.
Annunci online

kaos
pensieri oziosi di un' oziosa


Diario


28 novembre 2007

waiting for Godot

Insomma, la dovrei smettere di essere sempre così indecisa... passo un sacco di tempo a riflettere sulle decisioni da prendere, di qualsiasi cosa si tratti: che debba scegliere un'insalata, un paio di scarpe o un lavoro è del tutto irrilevante, perchè perdo tanto di quel tempo nell'operazione di scelta da non trovarne più altro per tutto il resto. Passo la vita a decidere senza poi decidere mai oppure decido ed è sempre, o quasi, la scelta sbagliata. L'insalata scade, le scarpe sono scomode, il lavoro non va bene.
Dovrei rifletterci di meno, tanto poi qualsiasi cosa si scelga è sempre un casino. Magari se passo più tempo all'aria aperta, che so, i pensieri si ordinano meglio a contatto con l'aria, magari camminando il cervello digerisce meglio... boh.
Fatto sta che continuo a capirci poco, o nulla. E benchè il cielo plumbeo e gravido m'ispiri, con la sua voglia di cose calde e pantofole e coperte e di star raggomitolati a leggere un libro, ultimamente ho voglia di conoscere posti nuovi e gente nuova e fare cose nuove. Speriamo sempre che tutto cambi da un giorno all'altro, che ci svegliamo e tutto è più bello e diverso, diversamente bello, bello diversamente. Io vado a letto e vorrei che poi succedesse quello che succedeva in un cartone animato natalizio che vedevo sempre quando ero piccola, dove dei bimbi poverissimi che mangiavano pane duro e latte si fermavano a guardare, vogliosi, le vetrine dei negozi di dolci e potevano solo sognarli, chè soldi non ce n'erano. Poi la mattina di natale si svegliavano, e trovavano la povera casa piena piena di dolci, così, di punto in bianco e tutto cambiava, fino al prossimo pane e latte. Ma un po', cambiava.
Qui non cambia, come l'acqua di un vecchio pozzo chiuso che ristagna e c'è sopra il muschio -muschio? o che?- non cambia mai, in senso positivo intendo e sono sempre a guardare quella vetrina di dolci desiderandoli e sentendo quasi il sapore, la glassa sotto i denti e la crema sulle mani e il velo di zucchero sulla giacca e sulla punta del naso.
E tutto si risolve in una tazza di caffè caldo e in un miagolio di gatti randagi.




permalink | inviato da kaos il 28/11/2007 alle 13:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia     giugno        febbraio
 
 




blog letto 70875 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE


Ho letto:

Tobias Wolff, Proprio quella notte Raymond Carver ,Cattedrale
Gesualdo Bufalino, Il malpesante
Knut Hamsun, Fame
Leonardo Sciascia, Candido
Kurt Vonnegut, Mattatoio n.5
Erskine Caldwell, Il piccolo campo Kurt Vonnegut, Madre notte
Joseph Roth, La leggenda del santo bevitore
Nick Hornby, Alta fedeltà
Gabriel Garcìa Marquez, Cronaca di una morte annunciata
Josè Saramago, Cecità
Henry Miller, Tropico del cancro
John Fante, Chiedi alla polvere
Charles Bukowski, Taccuino di un vecchio sporcaccione
John Steinbeck, Furore
Miguel de Unamuno, Nebbia
Jorge Luis Borges, L'Aleph
Italo Svevo, Senilità
Franz Kafka, Il processo
Jonathan Safran Foer, Molto forte, incredibilmente vicino
Ascanio Celestini, La pecora nera
Erskine Caldwell, Terra Tragica
Gesualdo Bufalino, Qui pro quo
Leonardo Sciascia, Una storia semplice
Fedor Dostoevskij, Le notti bianche
Albert Camus, La morte felice
Andrea De Carlo, Treno di panna





 









CERCA