Blog: http://kaos.ilcannocchiale.it


E' inutile, non mi rimane che arrendermi all'evidenza: sono diventata totalmente incapace di dedicarmi allo shopping. Non è che l'idea in sè mi dispiaccia, anche perchè credo che il giro per negozi sia un qualcosa che fa irrimediabilmente parte del genere femminile (soprattutto di quella porzione di genere femminile che si specchia per controllare la messa in piega nelle vetrine dei Paesi industrializzati e se ha il vento contro,procede a passo di gambero), un po' come le ovaie e le mestruazioni. E' quando questa idea smette di essere tale per concretizzarsi nella realtà, che cominciano a sorgere i problemi. Esco, armata di buona volontà e una certa dose di entusiasmo, convinta di portare a casa il guardaroba primaverile che allo stato attuale praticamente NON HO, e puntualmente gli unici scontrini che poi mi ritrovo addosso rientrando sono quelli del pane, delle gomme da masticare e della pizzetta di Prestipino. Insomma, non so cosa mi prende, ma mi confondo. C'è troppo in giro.... davvero troppo. Io con tutta questa roba sparsa per la città non riesco a scegliere, a provare, non riesco nemmeno a guardare. Vado completamente nel pallone, inizio a vagare per le strade come un predicatore nel deserto, entro ed esco dai negozi ma senza prendere in considerazione nulla di tutta la merce esposta: rimango imbambolata. Il tempo, fra le altre cose, non aiuta. Siamo entrati nell'odiosa fase meteorologica della "scelta": il clima è incerto, confuso, "adolescente", a tratti sereno, a tratti burrascoso, caldo di giorno, fresco al calar della sera. Dunque, bisogna scegliere: scegliere se sentire caldo o freddo, dal momento che qualsiasi cosa ci si metta addosso in questi giorni, non si azzeccherà MAI l'abbigliamento giusto e si uscirà di casa o troppo leggeri, rischiando una bronchite alla prima folata di vento, o eccessivamente imbacuccati camminando sotto la canicola stile Totò e Peppino alla stazione di Milano.

Pubblicato il 12/4/2007 alle 17.49 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web